Le scali mobili

il vento della carezza
muove bandiere immobili della pace
stagnanti in un popolo incatenato dalla legge

un attimo di eternità paralizza
e l’eternità in un attimo deve sorridere
come le infinite stagioni di un prato non sempre fiorito

eterno ritorno
nel mio pensiero di ritrovo
dove non trovo se non memorie indelibili

malinconico di malinconie mancanati
il mio pensiero è chiuso nelle mie memorie
che senza il velar della polvere esso non ha senso

[versi poetici]

G.R.

02-05-2015

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...