E’ morta Dolores O’Riordan,cantante dei Cranberries

Tutte le news ora on-line

È morta improvvisamente a 46 anni Dolores O’Riordan, la cantante dei Cranberries. La notizia resa nota dalla manager. «La cantante della band irlandese The Cranberries era a Londra per una breve sessione di registrazione. Non sono disponibili al momento ulteriori dettagli – ha spiegato la sua agente – I familiari sono distrutti dall’aver appreso la notizia e hanno chiesto di rispettare la loro privacy in questo momento molto difficile» . Secondo alcuni media britannici la cantante sarebbe stata trovata morta nella sua stanza d’hotel.Dolores_O_Riordan_1.jpg

La carriera.Nel 2017 la cantante aveva avuto dei problemi di salute a seguito dei quali la band aveva annullato l’intero tour europeo. All’epoca si era parlato di «problemi alla schiena». Nata in Irlanda nel 1971, era entrata a far parte dei Cranberries nel 1990 in sostituzione di Niall Quinn, che aveva detto addio al gruppo da lui stesso fondato nel 1989. Tre gli album pubblicati…

View original post 113 altre parole

Annunci
Pubblicato in Blog | Lascia un commento

Halloween é tutta roba nostra

una cuoca pericolosa

FINALMENTE ho trovato la prova inconfutabile che la festa di Halloween è nostra. Altro che anglosassoni. Sono andata di recente a Castrocaro Terme, nel cuore della Romagna Fiorentina, dove non ero mai stata e, oltre a fare un giro nelle splendide Terme – sono assolutamente da provare – ho partecipato a una visita guidata della Fortezza di Castrocaro. E lí c’era la prova che cercavo da anni. Il documento inconfutabile che la notte del 31 ottobre è sempre stata anche e soprattutto in Italia e nel resto dell’Europa la notte in cui le porte dell’aldilà si aprono e permettono ai morti di tornare, solo per quella notte, in mezzo ai vivi. La notte di Halloween, insomma.
La poesia di Giovanni Pascoli che vedete qui sotto fa parte della raccolta “I canti di Castelvecchio” pubblicata nel 1903. Descrive minuziosamente una tradizione, e una credenza, radicate in Italia quando il…

View original post 255 altre parole

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

A Malta vanno solo donne

Leo Rugens

giulia-sarti on. Giulia Sarti

Ci segnalano un comunicato e doverosamente lo pubblichiamo. Comunicato secco, esaustivo, che non dovrebbe lasciare spazio ad equivoci. Sarebbe però interessante capire perché ad una missione così delicata non partecipano tutti i membri della Commissione. Quella in essere a Malta mi sembra una situazione di vera emergenza e dichiarare che un senatore della Repubblica Italiana sia un millantatore in cerca di pubblicità perché ritiene di essere stato escluso da una tale missione quando, da anni (direi da quando è adolescente secondo tutte le biografie a me note) è personaggio pubblico impegnato sui temi della lotta alla criminalità che per alcuni, viceversa, sono una frontiera recente, mi sembra un passo grave che dovrebbe avere motivazioni all’altezza di tali affermazioni offensive anche se a farle è la persona (Rosy Bindi) che noi stimiamo da quando ha assunto questa difficile presidenza. Mi sembra, e qui chiudo, che, come ormai accade quando…

View original post 14 altre parole

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

Quando mi sono svegliata

germogliare

Anche nel rumore rintraccio il silenzio, l’ho sempre inseguito dentro di me. Sin da piccola, quando c’erano le guerre in casa, mi proteggevo estraniandomi e tappandomi le orecchie con le mani o mettendo la testa sotto il cuscino. Ero lì, ma non ero più lì. Mi conducevo in altri luoghi con la forza del pensiero.  A volte alzando il volume della musica (non avevo le cuffie), ma di fondo restavano le voci e i rumori irritanti, come irritante era la realtà. Ah! Se non avessi avuto la fantasia a sopraggiungere in aiuto…

“Per i giapponesi il silenzio in una conversazione è un elemento fondamentale.”

“Il silenzio sembra denso di significati  tanto quanto le parole.”

“Al di là della conoscenza, comincia il silenzio…”

Erling  Kangge, Il Silenzio

Quando ho cominciato a lavorare su me stessa in modo più definito; questo è avvenuto in corrispondenza della separazione da mio marito e andando…

View original post 427 altre parole

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

AWS e Microsoft offrono un nuovo framework Open Source: Gluon!

Gluon renderà più facile per i ricercatori definire modelli di apprendimento dei Computer utilizzando una raccolta di componenti prefabbricati e ottimizzati di rete neurale. L’interfaccia consentirà agli sviluppatori di software e agli utenti aziendali di manipolare modelli di apprendimento computerizzati come qualsiasi altra struttura di dati.

Gluon permetterà inoltre agli scienziati e ai ricercatori di elaborare rapidamente prototipi e utilizzare grafici di rete neurale dinamica per architetture completamente nuove, senza sacrificare la velocità di formazione.

L’interfaccia Gluon consente agli sviluppatori di tutti i livelli di abilità di prototipare, costruire, addestrare e implementare sofisticati modelli di apprendimento delle macchine per il cloud, i dispositivi di bordo e le applicazioni mobili, secondo le due società. L’interfaccia Gluon funziona attualmente con Apache MXNet e supporterà Microsoft Cognitive Toolkit in una prossima release.

Nel fornire lo strumento come open source, AWS e Microsoft hanno pubblicato la specifica di riferimento di Gluon per integrare meglio gli altri motori di apprendimento con l’interfaccia.

L’interfaccia Gluon è ora disponibile su GitHub. al seguente indirizzo:

https://github.com/freifunk-gluon

“Poiché gli strumenti AI(intelligenza artificiale) diventano più facili da usare, più sviluppatori creeranno più applicazioni infuse con AI, il che significa che l’AI avrà un impatto maggiore sulla società: così gli strumenti come Gluon e Keras contribuiscono ad espandere l’impatto di AI”, ha osservato Chris Nicholson, CEO di Skymind.

Soluzione necessaria

Microsoft spera che la comunità open source aiuterà a risolvere le enormi sfide che la società deve affrontare. Lo sviluppo di modelli AI e di approfondimento è un compito difficile per la maggior parte dei professionisti dei dati, ha osservato Eric Boyd, vicepresidente aziendale di dati e infrastrutture AI di Microsoft.

 

PER MAGGIORI INFO:

https://www.linuxinsider.com/story/AWS-Microsoft-Offer-New-Open-Source-AI-Framework-84881.html

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

DIPARTIMENTO DI IMPRESA E MANAGEMENT Corso di laurea in Economia e Management Amministrazione, Finanza e Controllo LA CRISI DI MONTE PASCHI

paolo politi

CONSIGLIO DI LEGGERE QUESTA TESI  –  LIBERA UNIVERSITÀ INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI
“LUISS – GUIDO CARLI”

http://tesi.eprints.luiss.it/10772/1/parri-edoardo-tesi-2013.pdf

View original post

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

Ognuno ha un indole di indipendentismo…

Gli ultimi avvenimenti della Catalogna sono un chiaro segnale di un indole quasi incontrollabile: quella dell’indipendentismo. La Lega degli anni 90, il referendum della Scozia dell’anno scorso, il Referendum di quest’anno della Spagna… sono solo alcuni dei tantissimi casi che costellano l’Europa.

indipendent

Valutando la questione da un punto di vista più sociologico bisognerebbe dire che chiunque ha un indole di rendersi indipendenti da qualcuno o qualcosa, sebbene il caso della catalogna sia quello più comprensibile dal punto di vista delle differenze culturali, che da secoli danno vita al conflitto interno. Ma comunque sia, lo sterminato numero di casi di indipendentismo fanno pensare a una decadenza culturale. Ci si vorrebbe separare dalla proprio stato, dalla propria regione, dalla propria provincia e dal proprio comune… non si è mai contenti. E la storia è solo una carta logorata di cancellature e riscritture tra l’unire e il dividere… se pensiamo che la settimana prossima ci sarà il Referendum sull’autonomia regionale della Lombardia e del Veneto non c’è da stare tranquilli per i decenni successivi.

Pubblicato in Blog | 2 commenti

2 Milioni di Persone per un posto da Bidello!!!

 

b

Che gli italiani siano da sempre attaccati al posto statale non è una novità. Ma di sicuro fa tanta impressione leggere che 2 milioni di persone sono in corsa per un posto da bidello. E’ uno delle notizie messe su gran parte dei quotidiani di questi giorni.

Aldilà del fatto se gli Italiani siano accaniti o meno per il posto pubblico, è sicuramente un indice di come l’economia dello stato sia ancora in pessime condizioni. All’estero è impensabile una cosa del genere. E servono a poco le notizie sugli indici: PIL, occupazione, debito pubblico etc. Quello che è certo è che gli Italiani non si fidano di nessuno, e per loro è quasi fantascienza avviare un’impresa  o una semplice attività nelle modalità e condizioni con le quali si fa negli altri paesi europei.

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

Il Tour di Renzi in treno (?)!

renzi

treno

Da qualche settimana è iniziato il tour (campagna elettorale) per l’ex Premier e l’attuale leader del PD. Matteo Renzi quest’anno ha scelto il Treno e scommetto che molti avranno pensato ad una bufala quando hanno appreso la notizia. Invece è tutto vero: Matteo Renzi già da metà Settembre e in giro per l’Italia con i treni.

Cinque anni fece la sua campagna elettorale girando per l’Italia con il suo Camper (targato PD) dimostrando il suo attaccamento alla nazione tendendo la mano a chiunque incontrasse… Questa volta si è addirittura migliorato, scegliendo il treno. Sicuramente una mossa alquanto azzardata ma anche coraggiosa, considerando che il treno è uno dei servizi di trasporto più criticati nella nazione: i ritardi, le cancellazioni e altri disagi generali non hai mai fatto brillare l’immagine di Trenitalia… anzi…

Non è un caso che già ad una delle prime conferenze il leader del PD abbia fatto ritardo proprio a causa del treno…

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

Un ricordo per Aldo Biscardi

aldo

E’ andato via Aldo

il precursore del bar dello sport

dove le discussioni animavano la noia della TV

quando la settimana ricominciava il processo del Lunedì dava la carica

oggi invece in un modo facebookiano ogni angolo è bar e tutto è di nuovo noia

Ciao Aldo

Pubblicato in Blog | Lascia un commento